La divulgazione della conoscenza nel Convivio di Dante Alighieri

Il Monte Vecchio

Il nostro ragionamento sulle opinioni di Dante Alighieri in merito al conseguimento del sapere merita forse un’ultima tappa a proposito del Convivio, un vero e proprio trattato dedicato alla conoscenza e alla sua divulgazione.

Scritto in volgare presumibilmente fra 1304 e 1306 o 1307, ovvero nei primissimi anni dell’esilio, fu lasciato incompiuto per fare spazio alla stesura dell’Inferno. Il progetto era ambiziosissimo e prevedeva ben 15 trattati, il primo introduttivo e i successivi 14 dedicati a diversi argomenti. La forma, come La vita nuova, era quella del prosimetro, ovvero parti in poesia alternate a parti in prosa e, come specificato dal titolo, doveva trattarsi di una sorta di convito (convivio), ovvero un banchetto nel quale la poesia iniziale di ogni trattato costituiva metaforicamente la portata principale, fornendo l’argomento di discussione, e il suo commento e l’interpretazione una sorta di pane col quale aiutare l’assimilazione…

View original post 1,312 more words

Leave a Comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s